Per fare una casa ci vuole il business to business

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Internet e il maggior grado di informatizzazione stanno rivoluzionando la disciplina della supply chain management, ovvero l’insieme delle attività logistiche e di gestione delle forniture da parte di un’azienda. Con l’e-commerce e le nuove possibilità offerte dal web cambia l’organizzazione verticale della catena della distribuzione, e si creano invece reti d’impresa che affrontano la logistica e la fornitura in chiave strategica. Ottimizzare i flussi materiali delle merci, ma anche quelli immateriali (informazioni) e gestire le singole attività e processi può portare, alla fine, a una maggiore redditività del business, quindi è importante attivare un circolo virtuoso che consenta un coordinamento delle singole attività aziendali, in modo da abbassare i costi.

Nel rilevante settore delle costruzioni, dove gli investimenti ammontano a oltre 145 milioni di euro e rappresentano quasi il 10% degli impieghi del Pil, troviamo un classico esempio di come diverse imprese e competenze tecnologiche provenienti da settori diversi, debbano coesistere in una sorta di rete per raggiungere il migliore obiettivo. In edilizia troviamo aziende che lavorano alla struttura portante degli edifici; ci sono poi le aziende operanti nell’impiantistica, molte delle quali provengono dai nuovi settori dell’efficientamento energetico e della domotica. Non mancano, infine, le aziende che si occupano di finiture. Le aziende appartenenti a questi tre insiemi di imprese, non sono capaci di operare da sole e in loco, così si verificano frequenti casi di preassemblaggio delle strutture, degli impianti e perfino delle finiture. La regia di tutto ciò è, di solito, affidata a un general contractor, che deve gestisce i rapporti con le grandi imprese di componenti industriali (ceramiche, metalli, cemento), le imprese medie e le piccole e specializzate realtà che compiono il loro lavoro direttamente in cantiere.

Ebbene, i costi di supply chain nel settore costruzioni oggi posso subire una razionalizzazione grazie ad internet. Ad esempio si risparmia sui costi di raccolta informazione sui venditori, le transazioni, la comunicazione. Anche i costi di decisone, controllo e contenzioso appaiono inferiori, così il modello organizzativo a rete consente di centrare l’obiettivo della soddisfazione del cliente finale, mantenendo un elevato grado di collaborazione tra le imprese coinvolte per rendere lean (snello) il processo, rispettando il capitale investito. Una più proficua collaborazione nel business to business può, in altre parole, collegare meglio produzione, logistica e marketing; integrare la domanda con la fornitura; pianificare i materiali che verranno usati; ottimizzare gli impianti; gestire al meglio gli ordini; prevedere nel modo più preciso la domanda di un determinato prodotto.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ristoranti, il cibo surgelato va dichiarato. Si rischia grosso

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

 

Vietato barare, o meglio omettere delle informazioni. I ristoratori, infatti, devono esplicitare con chiarezza sui menù se il cibo o alcune pietanze che servono sono surgelate. Niente contro questo procedimento di conservazione, per carità: solo che il surgelato va dichiarato. Si tratta di una norme che va ovviamente nella direzione della difesa dei consumatori, che devono sempre sapere cosa mangiano e quanto spendono. A questo proposito, la legge è severissima: i ristoratori che offrono prodotti conservati nel freezer o nei congelatori senza informare correttamente i loro avventori rischiamo infatti pene pesanti, ovvero multe fino a duemila euro e addirittura la reclusione nei caso più gravi. Per la legge, infatti, l’omissione di questa indicazione nel menù corrisponde a una frode commerciale.

Surgelato non indicato? Sono guai seri

Ma c’è di più: gli esercenti della ristorazione dovrebbero addirittura segnalare in modo chiaro se detengono pesce o carne surgelato. Non rispettare questa indicazione può essere davvero rischioso. Recentemente, ricorda una primaria agenzia di stampa, un ristoratore di Milano è stato condannato in Cassazione a pagare una multa di 200 euro per frode in commercio, più tutte le spese legali e processuali e pure altri 2 mila euro come ulteriore multa alla Cassa delle Ammende.

Non c’entra la qualità

Insomma, i ristoratori italiani dovrebbero stare bene attenti a quello che scrivono (o non scrivono) nei loro menù. Il principio della legge, infatti, non si basa sulla qualità o meno dei prodotti serviti, bensì solo e soltanto sui processi di conservazione degli stessi. Se il cibo non è fresco, ma congelato, surgelato o anche ‘abbattuto’ (un processo che abbassa velocemente di molti gradi sotto lo zero la temperatura degli alimenti) chi lo consuma deve saperlo.

Precedenti in tutti i settori della ristorazione

I precedenti aumentano di anno in anno e attraverso le sentenze arriviate fino in Cassazione la giurisprudenza si arricchisce di ulteriori elementi. Nel corso del tempo sono finiti nei pasticci (è proprio il caso di dirlo…) pasticcerie di lusso che preparano torte o dolci che prevedono un passaggio in abbattitore così come ristoranti di ogni tipologia che mettono in tavola cibi congelati.  E già, perché basta che durante un controllo gli esperti trovino qualche pietanza o prodotto conservato nel congelatore per far scattare la multa, a meno che le modalità di conservazione non siano espressamente dichiarate sul menù. La sentenza n. 34783 della terza corte penale non lascia spazio a dubbi. Recita: “Anche la mera disponibilità di alimenti surgelati, non indicati come tali nel menù, nella cucina di un ristorante, configura il tentativo di fronde in commercio, indipendentemente dall’inizio di una concreta contrattazione con il singolo avventore”.

 

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

3 regali estivi che ogni bambino merita di avere

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Arriva l’estate, tempo di giochi, colori, sole, spiaggia, gelati e scherzi. Almeno nell’immaginario dei bambini, l’estate è soprattutto questo, e gli adulti dovrebbero sforzarsi di assecondare la natura scanzonata di tale stagione, almeno per due ragioni. La prima è che ogni bambino, dopo i lunghi mesi dell’asilo o della scuola elementare, ha la necessità di assaporare un maggior senso di libertà e svago, e il gioco, il confronto con gli altri e la scoperta sono un toccasana per il suo equilibrio psico-fisico. La seconda ragione è che portare i bambini al mare, al parco o in un luogo divertente significa strapparli per ore intere dallo smartphone, dagli schermi a cristalli liquidi e dai giochi più o meno elettronici che li circondano nell’era moderna. Ben vengano, dunque, i pomeriggi diversi, spensierati, con giochi costruiti da aziende serissime, quindi sicuri e studiati per tirare fuori estro, abilità e doti nascoste dai nostri ragazzi.

Sott’acqua. Il primo regalo estivo che potrebbe funzionare per un bambino/a o un ragazzo/a è una maschera per lo snorkeling. In questo modo si andrà alla scoperta del mondo subacqueo, sempre accompagnati dagli adulti, e alla ricerca visiva di pesci, molluschi e alghe dalle forme non meno stimolanti di quelle di un cartone Disney. Attualmente sul web o da Decathlon è possibile acquistare un’evoluzione della comune maschera da snorkeling, con soluzioni molto semplificate nell’uso del boccaglio, nell’aderenza al viso, nella lente anti appannamento e di generose dimensioni, per avere una visuale nettamente più ampia e libera sott’acqua. Anche la taglia è facile da trovare, perché esistono solo due misure, adattabili ad ogni viso.

Sulla terraferma. Portare i bambini a giocare dentro i gonfiabili, oggi costruiti in modo molto sicuro, può dare loro il piacere di accedere a un regno di giochi incantati sulla terraferma. Scivoli gonfiabili, percorsi giochi e tantissime forme che ricreano draghi, castelli, piovre e balene, hanno il potere d’impreziosire spazi esterni grigi e inutilizzati e trasportare i più piccoli in mondi travolgenti, da scoprire con la vista e il tatto, da sfidare con l’equilibrio, sempre con il massimo grado di sicurezza e affidabilità. Alcuni di questi gonfiabili, poi, sono capaci di ricreare quello spirito collettivo del gioco che nell’era dei computer sembrava ormai perso. Uno dei giochi gonfiabili più venduto, ad esempio, è il calcio saponato, molto richiesto da ludoteche, lidi, strutture e parchi ricreativi. Un gioco che può avere un valore educativo e formativo incalcolabile.

Nel cielo. Far alzare lo sguardo dei più piccoli dagli schermi, per volgerlo al cielo. Con l’aquilone si può. Vedere volare in aria questo oggetto colorato genera stupore, curiosità, domande sul creato, sul peso dei corpi e la forza di gravità. Ci sono numerosi festival dell’ aquilone in Italia, a Cervia, Capo San Vito, Ferrara, Urbino. Ben vengano le gite fuori porta, ma far volare un aquilone, e farlo per mano propria, è un’esperienza emozionante anche quando il cielo è tutto per un bambino.

 

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

R&T serramenti blindati

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

I serramenti blindati rappresentano, ad oggi, il più efficace tra i sistemi di antintrusione e antieffrazione presenti sul mercato. Se allarmi e altri sistemi elettronici sono comunque “vulnerabili” ed hanno delle falle che consentono ai malintenzionati di mettere fuori uso qualsiasi tipo di dispositivo, riuscire a manomettere dei serramenti blindati risulta essere decisamente più difficile e richiede del tempo di cui solitamente i malviventi non dispongono. Questo è il motivo per cui oggi gli istituti di credito, così come tantissime altre realtà commerciali, preferiscono adottare dei serramenti blindati per bloccare sul nascere qualsiasi tipo di intrusione e salvaguardare così il denaro o la merce custodita all’interno dei locali.

R&T è una azienda nota nel settore per la qualità dei serramenti blindati che produce, e tale impegno ha prodotto anche importanti collaborazioni con società che lavorano proprio nell’ambito della sicurezza. Parliamo di soluzioni assolutamente personalizzabili in base alle necessità del cliente, sia per quel che riguarda la tipologia di lavorazione che per le dimensioni e le finiture. R&T impiega dunque alluminio lavorato a freddo ma anche a taglio termico, per prodotti destinati a durare nel tempo e a garantire tutta la sicurezza necessaria a chi desidera proteggere da intrusioni indesiderate la propria sede, attività commerciale o abitazione.

Sulla base delle necessità del cliente, con particolare riferimento al livello di antieffrazione che si desidera ottenere, è possibile impiegare sistemi interamente composti da alluminio o alluminio combinato con acciaio, che viene inserito all’interno dei profili andando così ad aumentarne la resistenza. Proteggere la propria sede o abitazione è un’esigenza di tutti, e farlo con i serramenti blindati R&T (le cui certificazioni vanno dalla classe 1 alla classe 4) è la soluzione più adatta per garantirsi il massimo della sicurezza, per questo motivo è la prima scelta di tantissimi istituti di credito italiani.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Perché scegliere un RSPP esterno

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La legge italiana in tema di sicurezza sul lavoro prevede che all’interno di determinate aziende (quelle nelle quali i lavoratori sono chiamati ad effettuare lavori particolarmente impegnativi dal punto di vista fisico o che comunque espongono i dipendenti a determinate tipologie di rischi per la propria incolumità) vi sia la presenza di una figura in grado di valutare tali rischi ed apportare le soluzioni necessarie per eliminarli. Questo professionista è detto Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) ed è un incarico che può assumere direttamente il datore di lavoro, sebbene vi siano alcune precisazioni da fare. L’RSPP è infatti chiamato più volte, nel corso dell’anno, a partecipare a corsi di aggiornamento volti all’apprendimento e perfezionamento di nozioni molto importanti di questa materia che si evolve così rapidamente. È dunque un impegno che può sottrarre parecchio tempo al proprio business, e non sempre si ha la possibilità di distogliere la propria attenzione dal lavoro di tutti i giorni.

Questo è il motivo che spinge ogni anno migliaia di aziende a rivolgersi a chi, come Area 81, offre servizi in grado di sollevare il datore di lavoro da questo e incarico e garantirgli al tempo stesso tutta la sicurezza del sapere che la salute dei propri dipendenti è tutelata. Grazie al servizio di RSPP esterno che Area 81 fornisce infatti, sarà possibile usufruire del lavoro di un professionista assolutamente capace e competente che si muoverà sin dall’inizio per individuare tutti quei fattori di rischio sui quali lavorare, fornendo soluzioni e spunti utili per far si che ogni lavoratore possa svolgere le proprie mansioni nella maniera più sicura per la propria salute e la propria incolumità. L’RSPP esterno inizierà il suo lavoro con un primo sopralluogo laddove si svolge l’attività lavorativa, ed inizierà a pianificare di conseguenza le soluzioni da apportare per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza di tutti i dipendenti.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Allestimenti Spazi Commerciali

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Tuffandoci in una nuova avventura imprenditoriale, qualsiasi sia il settore merceologico, siamo presi da così tante cose che delle volte diamo meno importanza a ciò che invece riveste un ruolo chiave: gli allestimenti dei locali. Gli allestimenti azzeccati infatti hanno la capacità di dare grande risalto ai prodotti in esposizione, facendo scattare quel meccanismo di desidero ed esigenza di acquisto nel cliente, che percepirà il prodotto stesso come indispensabile. Le immagini infatti hanno un ruolo determinante nel far riconoscere al cliente un determinato prodotto come assolutamente necessario, da acquistare senza rimandare. Queste strategie in grado di creare il desiderio d’acquisto in relazione alle immagini che accompagnano o presentano i prodotti sono note sin dagli anni ’50, quando furono oggetto di approfonditi studi. Allestire con cura i nostri nuovi spazi commerciali dunque, è un ottimo modo di intraprendere la nostra avventura imprenditoriale, ed è bene valutare l’ipotesi di farsi aiutare in questo da chi ha grande esperienza nel settore e può rappresentare un valore aggiunto per noi. Litoseritarga è una azienda di spicco nel settore, e realizza interessantissimi allestimenti anche mediante la tecnica della stampa digitale su forex, che consente la realizzazione di prodotti assolutamente accattivanti ed in grado di catturare l’attenzione di chi osserva. La stampa su forex, che ha una struttura in PVC, presenta diversi vantaggi che la rendono particolarmente utile e adattabile a qualsiasi tipo di impiego. Facile da lavorare e tagliare, dotata di un’ottima resistenza meccanica e resa cromatica, facile da trasportare ed economica. Con la stampa su forex sarà possibile realizzare non solo bellissimi allestimenti ma anche insegne, scenografie, cartellonistica e tanto altro materiale ancora. Per qualsiasi tipo di informazione o preventivo non esitare a contattare Litoseritarga al numero 0238203433 , o manda una mail a info@litoseritarga.it

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

NI.VE Carrelli Elevatori

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La NI.VE di Peschiera Borromeo nasce nel 1990 dall’esperienza di un professionista che, come spesso accade, acquisisce grande esperienza nella riparazione e manutenzione di carrelli elevatori presso un importante realtà nazionale e, con la passione e l’impegno, riesce a guadagnare la fiducia dei clienti seguiti. E’ il tipico “spin-off”, un fenomeno oggi sempre più raro, dove il cliente sposa in primis la persona, e poi l’azienda. E così Carmine Tartaglia, dimostrate le proprie abilità e, soprattutto, la cura con la quale segue passo passo la fase successiva a quella dell’intervento tecnico, riesce a costruirsi un parco clienti sufficiente a rischiare. Nasce così una piccola realtà che, iniziando con la semplice riparazione e manutenzione di carrelli elevatori elettrici e a gasolio o transpallet, comincia ad espandere con il tempo le proprie competenze, grazie al noleggio prima e alla vendita dell’usato dopo. Sopratutto il noleggio consente alla NI.VE di avere un parco clienti stabile, e di imporsi così nel panorama milanese ottenendo importanti contratti di assistenza da marchi prestigiosi (Carer, Still e altri) e da aziende importanti.

Oggi la NI.VE è ancora una sicurezza nel suo campo, l’officina si è spostata a Melzo e le competenze sono cresciute, contemplando oggi anche la manutenzione e riparazione di autogru ed altri mezzi di sollevamento. I tecnici sono altamente specializzati, ma è la filosofia che è rimasta sempre la stessa: non si lascia mai il cliente in difficoltà. Mai. A costo di lavorare oltre l’orario, di dover correre e cambiare il programma della giornata all’ultimo secondo, di rimetterci a volte, perchè magari si è sbagliato qualcosa (e soltanto chi è veramente competente ammette di sbagliare, ogni tanto…).

La passione, poi, in un lavoro dove oggi è difficilissimo trovarne, è qualcosa che ancora, dopo 26 anni, segna il titolare ed ogni attività: l’entusiasmo con il quale forniscono consigli sulla manutenzione, su un nuovo acquisto, su una novità del mercato. Un’azienda sana come quelle di una volta, che non è mai cresciuta oltre i propri limiti ed ha sempre rispettato il cliente.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La tua nuova cucina firmata Pedrazzini Arreda

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il sogno di ogni coppia è quello di vivere in un ambiente elegante ed accogliente, dotato delle soluzioni più moderne ed eleganti per accogliere gli ospiti e farli sentire come a casa propria. Uno degli ambienti più importanti di casa, probabilmente quello in cui trascorriamo la maggior parte del tempo quando siamo tra le mura domestiche, è la cucina. La cucina è la zona della casa più vissuta, quella in cui consumiamo i pasti e dove ci rilassiamo leggendo un libro. È al momento stesso l’ambiente in cui riceviamo gli amici per cena, o il posto perfetto per servire un aperitivo ai nostri ospiti. Il ruolo che la cucina dunque riveste nell’economia della famiglia moderna è dunque quello di un ambiente dal design ricercato, moderno e funzionale che possa far sentire ciascuno a proprio agio. Pedrazzini Arreda fornisce tutte le soluzioni di cui hai bisogno per arredare la tua nuova cucina con gusto e con quel tocco di personalizzazione che ti consentirà rendere questo ambiente veramente “tuo”.

Non devi far altro che raggiungere l’ampio showroom, sito in Via Leone Tolstoi 81 a San Giuliano Milanese, e toccare con mano tutta la qualità del made in Italy delle soluzioni Veneta Cucine e Arredo 3 che Pedrazzini Arreda ti propone. Questa azienda è presente nel settore da oltre 60 anni ed è un punto di riferimento nella vendita cucine Milano, sia per l’assoluta qualità dei prodotti che offre che per l’efficienza dei servizi offerti al cliente prima e dopo la vendita. Un team di progettisti accompagnerà infatti il cliente nella scelta della soluzione più adatta, superando anche eventuali difficoltà legate agli spazi. Se richiesto, sarà la Pedrazzini stessa a curare lo smaltimento della vecchia cucina e una squadra di installatori e falegnami si occuperà invece di installare la tua nuova cucina, consegnandola pronta per essere utilizzata. Pedrazzini Arreda consente infine di estendere di due anni la garanzia di legge, fino al decimo anno dalla consegna degli arredi.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

© 2017 Business a Milano

Theme by Anders NorénUp ↑