ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Arriva l’estate, tempo di giochi, colori, sole, spiaggia, gelati e scherzi. Almeno nell’immaginario dei bambini, l’estate è soprattutto questo, e gli adulti dovrebbero sforzarsi di assecondare la natura scanzonata di tale stagione, almeno per due ragioni. La prima è che ogni bambino, dopo i lunghi mesi dell’asilo o della scuola elementare, ha la necessità di assaporare un maggior senso di libertà e svago, e il gioco, il confronto con gli altri e la scoperta sono un toccasana per il suo equilibrio psico-fisico. La seconda ragione è che portare i bambini al mare, al parco o in un luogo divertente significa strapparli per ore intere dallo smartphone, dagli schermi a cristalli liquidi e dai giochi più o meno elettronici che li circondano nell’era moderna. Ben vengano, dunque, i pomeriggi diversi, spensierati, con giochi costruiti da aziende serissime, quindi sicuri e studiati per tirare fuori estro, abilità e doti nascoste dai nostri ragazzi.

Sott’acqua. Il primo regalo estivo che potrebbe funzionare per un bambino/a o un ragazzo/a è una maschera per lo snorkeling. In questo modo si andrà alla scoperta del mondo subacqueo, sempre accompagnati dagli adulti, e alla ricerca visiva di pesci, molluschi e alghe dalle forme non meno stimolanti di quelle di un cartone Disney. Attualmente sul web o da Decathlon è possibile acquistare un’evoluzione della comune maschera da snorkeling, con soluzioni molto semplificate nell’uso del boccaglio, nell’aderenza al viso, nella lente anti appannamento e di generose dimensioni, per avere una visuale nettamente più ampia e libera sott’acqua. Anche la taglia è facile da trovare, perché esistono solo due misure, adattabili ad ogni viso.

Sulla terraferma. Portare i bambini a giocare dentro i gonfiabili, oggi costruiti in modo molto sicuro, può dare loro il piacere di accedere a un regno di giochi incantati sulla terraferma. Scivoli gonfiabili, percorsi giochi e tantissime forme che ricreano draghi, castelli, piovre e balene, hanno il potere d’impreziosire spazi esterni grigi e inutilizzati e trasportare i più piccoli in mondi travolgenti, da scoprire con la vista e il tatto, da sfidare con l’equilibrio, sempre con il massimo grado di sicurezza e affidabilità. Alcuni di questi gonfiabili, poi, sono capaci di ricreare quello spirito collettivo del gioco che nell’era dei computer sembrava ormai perso. Uno dei giochi gonfiabili più venduto, ad esempio, è il calcio saponato, molto richiesto da ludoteche, lidi, strutture e parchi ricreativi. Un gioco che può avere un valore educativo e formativo incalcolabile.

Nel cielo. Far alzare lo sguardo dei più piccoli dagli schermi, per volgerlo al cielo. Con l’aquilone si può. Vedere volare in aria questo oggetto colorato genera stupore, curiosità, domande sul creato, sul peso dei corpi e la forza di gravità. Ci sono numerosi festival dell’ aquilone in Italia, a Cervia, Capo San Vito, Ferrara, Urbino. Ben vengano le gite fuori porta, ma far volare un aquilone, e farlo per mano propria, è un’esperienza emozionante anche quando il cielo è tutto per un bambino.

 

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn