Lo dice l’Istat, le vendite al dettaglio sono aumentate. l’Istituto nazionale di statistica stima infatti che ad agosto 2018 siano aumentate dello 0,7% rispetto al mese precedente, un aumento stimato sia in termini di valore sia in termini di volume. La variazione positiva riguarda sia i beni alimentari, che crescono dello 0,3% in valore e in volume, sia i beni non alimentari (+0,9% in valore e +1,0% in volume). A livello trimestrale, invece, nei mesi di giugno-agosto 2018 le vendite al dettaglio sono aumentate in valore dello 0,5% e in volume dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Le vendite di beni alimentari nei tre mesi estivi sono in crescita in valore (+0,4%), ma risultano in leggera flessione in volume (-0,2%), mentre quelle di beni non alimentari sono in aumento dello 0,7% in valore e dello 0,6% in volume, riporta Askanews.

Su base annua le vendite al dettaglio aumentano del 2,2% in valore e dell’1,4% in volume

“La ripresa delle vendite è una buona notizia – spiega Carlo Rienzi, presidente Codacons – ma occorre attendere per verificare se i maggiori acquisti registrati ad agosto siano dovuti unicamente al fattore ‘vacanze’ o se il trend positivo sia destinato a proseguire anche nei prossimi mesi”, riferisce AgenPress.

In ogni caso, secondo i dati Istat, su base annua le vendite al dettaglio aumentano del 2,2% in valore e dell’1,4% in volume. Sempre su base annua, le vendite di beni alimentari registrano una variazione positiva dell’1,9% in valore e un lieve calo in volume dello 0,1%, mentre quelle dei beni non alimentari sono in aumento sia in valore (+2,4%) sia in volume (+2,7%).

Gli incrementi maggiori riguardano gli elettrodomestici (+5,0%)

Per quanto riguarda le vendite di beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali positive per tutti i gruppi di prodotti, a eccezione di Cartoleria, libri, giornali e riviste che registrano una flessione pari allo 0,8%. Gli incrementi maggiori riguardano invece Elettrodomestici, radio, tv e registratori (+5,0%) e Altri prodotti (+4,5%). Sempre a livello tendenziale, il valore delle vendite al dettaglio registra un aumento sia per la grande distribuzione (+2,4%) sia per le imprese operanti su piccole superfici (+1,3%). Ma a crescere più di tutti è il commercio elettronico, che registra un incremento dell’8,6%.

I beni non alimentari trainano la crescita complessiva

“Ad agosto 2018, per la prima volta dall’inizio dell’anno, si registra un risultato tendenziale positivo non solo per la grande distribuzione, ma anche per le imprese operanti su piccole superfici – commenta l’Istat -. Sono soprattutto le vendite dei beni non alimentari, in crescita dell’1,3%, a trainare la crescita complessiva dopo aver mantenuto un andamento persistentemente negativo fino al mese scorso”.