Oltre alla salute, un altro rischio del Covid-19 è quello legato al sovraccarico di informazioni, il cosiddetto effetto Tmi (Too much information, troppa informazione). Da un rapido esame delle prime pagine dei giornali alle notizie messe in risalto da ogni canale di news,, dai social media, o dai trending topics di Twitter, risulta evidente che la crisi sanitaria attuale sia stata accompagnata da un’inarrestabile marea di informazioni. Tutto, e tutti, ormai parlano di Coronovirus. L’effetto Tmi rischia quindi di diventare un pericoloso eccesso di informazioni, un fenomeno studiato per oltre vent’anni dal Professor David Bawden e dalla Dottoressa Lyn Robinson del Dipartimento di Information Science della City University of London.

Sempre più difficile distinguere fra notizie utili e affidabili e quelle che non lo sono

Il sovraccarico di notizie si verifica quando arrivano troppe informazioni rilevanti, e più in particolare quando esse ci giungono attraverso la lente “uniformante” del browser. Il che rende difficile distinguere le informazioni utili e affidabili da quelle che non lo sono. Questo sovraccarico, inoltre, ci fa sentire sopraffatti e impotenti, causando ansia, stanchezza e immobilismo.

Effetti abbastanza gravi in qualsiasi momento, ma assai pericolosi durante una pandemia, riporta Askanews.

La sindrome always-on è spesso associata al Tmi

Le notifiche push, in particolare sui dispositivi mobili, hanno aumentato la percezione del sovraccarico di informazioni che vengono costantemente imposte all’utente senza bisogno che questi effettui una ricerca.

All’ubiquità dei dispositivi mobili, poi, si è aggiunta la sindrome always-on (sempre connesso), che viene spesso associata al sovraccarico di informazioni.

Il Professor Bawden e la Dottoressa Robinson ritengono però, che in reazione, le persone cerchino, a modo loro, di semplificarsi la vita optando per il sensazionale o addirittura evitando di informarsi del tutto. Pur sapendo che ci si dovrebbe informare presso fonti affidabili, come il Servizio Sanitario Nazionale o il Ministero della Salute, spesso infatti risulta più facile affidarsi alle “bolle” dei social media.

La pericolosa tendenza a individuare il bizzarro e sensazionale Peggio ancora, di fronte a un flusso di informazioni apparentemente infinito, si tende a individuare il bizzarro e sensazionale. Ad esempio, leggere che il coronavirus è stato creato in laboratorio come uno strumento per dominare il mondo, ma che può essere sconfitto bevendo acqua calda, è in un certo senso più attraente che concentrarsi sulle raccomandazioni del Governo di rimanere a casa e di lavarsi regolarmente le mani per evitare il contagio