ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La legge italiana in tema di sicurezza sul lavoro prevede che all’interno di determinate aziende (quelle nelle quali i lavoratori sono chiamati ad effettuare lavori particolarmente impegnativi dal punto di vista fisico o che comunque espongono i dipendenti a determinate tipologie di rischi per la propria incolumità) vi sia la presenza di una figura in grado di valutare tali rischi ed apportare le soluzioni necessarie per eliminarli. Questo professionista è detto Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) ed è un incarico che può assumere direttamente il datore di lavoro, sebbene vi siano alcune precisazioni da fare. L’RSPP è infatti chiamato più volte, nel corso dell’anno, a partecipare a corsi di aggiornamento volti all’apprendimento e perfezionamento di nozioni molto importanti di questa materia che si evolve così rapidamente. È dunque un impegno che può sottrarre parecchio tempo al proprio business, e non sempre si ha la possibilità di distogliere la propria attenzione dal lavoro di tutti i giorni.

Questo è il motivo che spinge ogni anno migliaia di aziende a rivolgersi a chi, come Area 81, offre servizi in grado di sollevare il datore di lavoro da questo e incarico e garantirgli al tempo stesso tutta la sicurezza del sapere che la salute dei propri dipendenti è tutelata. Grazie al servizio di RSPP esterno che Area 81 fornisce infatti, sarà possibile usufruire del lavoro di un professionista assolutamente capace e competente che si muoverà sin dall’inizio per individuare tutti quei fattori di rischio sui quali lavorare, fornendo soluzioni e spunti utili per far si che ogni lavoratore possa svolgere le proprie mansioni nella maniera più sicura per la propria salute e la propria incolumità. L’RSPP esterno inizierà il suo lavoro con un primo sopralluogo laddove si svolge l’attività lavorativa, ed inizierà a pianificare di conseguenza le soluzioni da apportare per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza di tutti i dipendenti.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn